Ultime uscite

Ocnus. Quaderni della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici 27, 2019

2019
formato 21 x 29,7 cm; ril. bros.
184 pagine, in b/n e a colori
ISBN 978-88-7849-148-9; ISSN 1122-6315
€ 40,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello
«Ocnus. Quaderni della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici» accoglie, sulla base di rigorosi referaggi esterni, lavori dei docenti dell’omonima Scuola di Specializzazione di Bologna, lezioni e conferenze tenute da studiosi ospiti, ricerche degli allievi e contributi di specialisti di livello internazionale. Tenuto conto dell’ampio spettro di discipline della Scuola – dalla Preistoria all’Archeologia Orientale, dall’Archeologia Classica all’Archeologia tardo-antica e medievale, dall'Archeometria alla Bioarcheologia, dal Restauro all'Archeologia pubblica – «Ocnus» intende proporsi anche come sede aperta a contributi e studi di forte impronta antropologica e interdisciplinare.
Angela Bressan, Marta Nardin. Illustrazioni di Angela Bressan.

Una giornata in Aquileia romana con Lucius e Tita

Introduzione alla visita della città romana e del Museo Archeologico Nazionale
2019

60 pp.; ill. a colori; formato 20x20 cm

ISBN 978-88-7849-144-1

€ 12
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

A che ora ci si svegliava nell’antica Aquileia? Come ci si vestiva? Com’erano fatte le domus? E quali erano i giochi e i cibi preferiti? Ma soprattutto… perché un famelico leone sta inseguendo Lucius?

Un viaggio nell’antica città romana, per riscoprire luoghi e abitudini dei suoi abitanti, dall’alba al tramonto.

In collaborazione con Polo Museale del Friuli Venezia Giulia - Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, con il patrocinio del Comune di Aquileia, con il contributo dell’Associazione Studio Didattica Nord Est e della Società per la Conservazione della Basilica di Aquileia.

Fayyum Studies 4 (2019)

2019

formato 20 x 27,5 cm; ril. bros.

pagine 68

ISBN 978-88-7849-145-8

 

€ 25
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello
Fayyum Studies is not a journal of Egyptology, but a series of volumes which will not be published and which are part of the ‘Fayyum Project’ of the Dipartimento di Storia Culture Civiltà of the University of Bologna. They are born from the necessity of finding a forum for the more and more numerous scholars who are specifically interested in the Fayyum region.
Fayyum Studies welcome contributions from Italian and foreign scholars who are interested in the Fayyum from the prehistoric to the Arabic age.
Chiara Guarnieri (a cura di)

La salina romana e il territorio di Cervia. Aspetti ambientali
 e infrastrutture storiche

2019

pp. 304; formato 21x29,7 cm; ISBN 978-88-7849-118-2

€ 34,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Il volume presenta la recente ed eccezionale scoperta di un impianto per l’estrazione del sale databile all’età romana, uno dei pochissimi documentati archeologicamente nel bacino del Mediterraneo: si tratta di strutture realizzate in legno, dotate di paratie che permettevano all’acqua salata di fluire entro i bacini di essiccazione. Tale rinvenimento permette di retrodatare di mille anni la coltivazione del sale nel territorio cervese e di approfondire così il mezzo che, più di ogni altro, consentiva la conservazione degli alimenti. L’analisi geo-morfologica del sito, unitamente allo studio ambientale (analisi archeobotaniche, studio dei reperti lignei e zoologici), ha permesso di ricostruire l’ambiente della salina e del territorio circostante. Il testo illustra inoltre alcuni importanti reperti rinvenuti nel territorio cervese e ora esposti nella sezione archeologica del Museo del Sale di Cervia (MUSA), tra cui i resti di una nave bizantina.

Sul colle di Villa Revedin. Il Seminario Arcivescovile, la Villa, il Rifugio antiaereo “Vittorio Putti”

2019
pp. 60; formato 14,8x21 cm; punto metallico; ISBN 978-88-7849-142-7
€ 12,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Fin da epoche remote l’estesa area collinare posta a sud di Bologna, al di fuori di Porta Castiglione, oggi presentata da questa guida, fu utilizzata per i più diversi scopi: da terra di malaffare a zona di sepoltura, villeggiatura, studio, preghiera, ricovero per centinaia di feriti durante la Seconda Guerra Mondiale. Un ricco apparato iconografico e le accurate descrizioni degli autori conducono in modo vivido tra il Seminario Arcivescovile, la Villa Revedin, le millenarie sezioni geologiche del territorio e uno dei più importanti rifugi antiaerei in galleria utilizzato dai tanti mutilati reduci dai campi di battaglia di tutta Europa, ospiti dell’Ospedale Militare e Centro Ortopedico “Vittorio Putti”.

Giovanna Gambacurta e Angela Ruta Serafini

I Celti e il Veneto

Storie di culture a confronto
2019
formato 17 x 24 cm; ril. bros.
collana Ricerche 7
204 pagine, in b/n
ISBN 978-88-7849-143-4
€ 22,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Se usata con uno sguardo “da reporter”, l’archeologia sa essere una chiave di lettura attuale ed obiettiva nella conoscenza delle relazioni tra culture: in questo caso i Celti da un lato, con i loro oggetti, armi, nomi, e il Veneto antico dall’altro, che importa, rielabora, si confronta con questo mondo inizialmente estraneo, poi sempre più coinvolto nelle vicende italiche.
La distribuzione territoriale dei materiali archeologici e le liste analitiche dei rinvenimenti costituiscono il palinsesto di una narrazione che sapientemente le autrici dipanano attraverso cinque secoli di storia, dai primi contatti della fine del VI-primi del V secolo a.C. fino alle soglie della romanizzazione.
Scanditi in otto tempi, i diversi periodi vengono presentati mettendone in risalto i tratti più caratteristici, restituendo alla fine un’immagine dei Celti strettamente fedele alla realtà storica e un quadro vitale e poliedrico della cultura veneta antica.

 

Paola Poli, Elena Rodriguez (a cura di)

Archeologia delle scoperte

I rinvenimenti dell'età del Ferro a Verucchio
2019
formato 17 x 24 cm; ril. bros.
collana Quaderni villanoviani, 1
124 pagine, in b/n e a colori
ISBN 978-88-7849-117-5
€ 14,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

La collana “Quaderni villanoviani” nasce all’interno del Museo Civico Archeologico di Verucchio per offrire percorsi di approfondimento che traggono spunto dalla storia e dal patrimonio che il Museo è chiamato a preservare e valorizzare. Oltre che come supporto nella visita, i “Quaderni” si offrono come appunti nel viaggio della conoscenza di un territorio emblematico della cultura villanoviana, che attraverso le sue espressioni materiali permette di delineare numerosi aspetti di questa antica civiltà. I singoli volumi, dedicati a temi specifici, si intrecciano tra loro in una trama composita, dove confluisce l’incessante lavoro di ricerca – passato e presente – degli studiosi e degli archeologi dediti alla protostoria di Verucchio.

Il primo numero della collana non poteva che partire dall’inizio, dalla storia degli scavi e delle scoperte che hanno portato in luce lo straordinario patrimonio archeologico di Verucchio. Si è scelto di raccontarla dando risalto anche alle vicende meno consuete dei principali protagonisti, nel tentativo di far entrare il lettore nel clima che già dalla fine dell’Ottocento animò studiosi e appassionati intorno ad un sito da subito rivelatosi di rilievo nazionale. Lo sguardo giunge fino ai giorni nostri, con una sintesi delle più recenti campagne di scavo.

Diana Neri (a cura di)

Museo Civico Archeologico di Castelfranco Emilia "A.C. Simonini" - Guida

2019
formato 16 x 29,7 cm; ril. bros.
128 pagine, in b/n e a colori
ISBN 978-88-7849-141-0
€ 12,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

La collezione archeologica conservata ed esposta nelle sale di Palazzo Piella a Castelfranco Emilia (Modena) copre un ampio arco cronologico che va dalle prime testimonianze di età preistorica fino al Medioevo. Fra i numerosi reperti, tutti provenienti dal territorio, spiccano per importanza quelli relativi alla civiltà etrusca e quelli pertinenti a Forum Gallorum, piccolo centro romano sorto in stretta relazione con la via Emilia fra le colonie di Mutina e Bononia.
Il Museo Civico Archeologico “A.C. Simonini”, in costante collaborazione con la Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, è promotore anche di attività di didattica, ricerca e studio, unendo così alla tutela la valorizzazione e la promozione del patrimonio.

Arianna Capiotto, Elena Sala - illustrazioni di Luca Tagliafico

Una vittoria per la dea

I CercaStoria. Avventure alla scoperta di curiosi oggetti del passato - 6
2019
formato 15x21 cm; ril. bros.
48 pagine, a colori
ISBN 978-88-7849-137-3
€ 9,50
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Atene, V secolo a.C.: gli atleti migliori della Grecia si sfidano in onore di Atena, ma non tutti giocano pulito, e non solo perché hanno il corpo unto d’olio… Nel loro viaggio nel passato, reso possibile dal magico Saltacronos, Miriam e Adam devono prestare attenzione a inganni e tranelli, oltre che al misterioso reperto che hanno visto nel laboratorio di Cecilia, archeologa e madre della ragazzina. Per capire a cosa serviva l’oggetto e per smascherare i furfanti serviranno coraggio, intelligenza e un nuovo amico, un premio che vale più di ogni vittoria.

Federico Zaina (ed.)

Excavations at Karkemish I. The Stratigraphic Sequence of Area G in the Inner Town

OrientLab Series Maior, 3
2018
formato 21 x 29,7 cm; ril. bross.
528 pagine, in b/n e a colori
testo in inglese / text in English
DOI 10.12878/orientlabsm3; ISBN 978-88-7849-139-7
€ 46,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

La Missione Archeologica Turco-Italiana a Karkemish, che opera dal 2011 sotto la direzione di Nicolò Marchetti (Alma Mater Studiorum - Università di Bologna), ha implementato una strategia di ricerca a lungo termine sul campo con l’obiettivo di fornire una nuova interpretazione della storia della città, attraverso la ricostruzione dell’impianto urbano e dello sviluppo della cultura materiale. Questo rapporto finale, riguardante gli scavi nell’area G (localizzata ai piedi dell’acropoli a ovest del Lower Palace), svolti tra il 2012 ed il 2014, si inserisce all’interno di tale programma di ricerca, fornendo nuovi dati sulla sequenza cronologica della Inner Town di Karkemish e sul significato di questi dati per la storia dell’occupazione della città bassa. Oltre all’analisi stratigrafica delle evidenze strutturali e alla caratterizzazione della cultura materiale, sono qui inclusi in appendice tre studi di zooarcheologia, paleobotanica e numismatica.

The aim of the Turco-Italian Archaeological Expedition at Karkemish, directed by Nicolò Marchetti (Alma Mater Studiorum - University of Bologna) since 2011, is to implement a long-term research strategy seeking to elucidate the history of the town, explore its urban layout and cultural sequence through the ages. Within this framework, this final report on the 2012-2014 excavations in Area G, located to the West of the Lower Palace Area, at the foot of the Acropolis, presents the results on the chronological sequence of the Inner Town of Karkemish as well as the significance of this area for the reconstruction of the urban layout of this site. Beside the stratigraphic analysis of the structural evidence and the characterization of material culture, three Appendices on zooarchaeological, paleobotanical and numismatic studies are included.

Fabiana Fabbri

Votivi anatomici fittili

Uno straordinario fenomeno di religiosità popolare dell'Italia antica
2019
formato 17 x 24 cm; ril. bros.
collana Ricerche 6
264 pagine, in b/n
ISBN 978-88-7849-135-9
€ 19,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Gli ex voto anatomici fittili, manifestazioni tangibili della devozione popolare dell’Italia antica, emersi a migliaia fin dai primi scavi archeologici nel nostro Paese, ci raccontano di un fenomeno ancora poco conosciuto, ma assai diffuso e radicato tra le popolazioni etrusche e italiche di epoca medio e tardo-repubblicana. Questo materiale, considerato in genere di scarso valore dagli scavatori del passato, solo in tempi più recenti ha conquistato una propria dignità nella letteratura scientifica.
Partendo dalle testimonianze archeologiche, l’indagine esamina questa peculiare espressione della religiosità popolare antica, che vedeva nella protezione della salute e della capacità riproduttiva elementi essenziali per la sopravvivenza, addentrandosi all’interno dei diversi aspetti del fenomeno alla ricerca delle sue implicazioni sociali, economiche e cultuali. Un’indagine sulle connessioni tra i luoghi di ritrovamento di queste offerte, spesso legate ai culti delle acque, e la presenza di affioramenti termali e di risorgive rivela significative coincidenze. A ciò si aggiungono nuove ipotesi su alcuni aspetti tipologici e paleopatologici del fenomeno, espressione “trasversale” di una devozione popolare tanto povera quanto suggestiva.

Presentazioni di: Alessandro Sebastiani (University at Buffalo, USA), Giulio Ciampoltrini e Paola Rendini (MIBAC).

Daniele Carta

Il territorio di Serrenti

Un centro della Sardegna meridionale dal primo popolamento all'età giudicale
2018
formato 17 x 24 cm; ril. bros.
144 pagine, a colori
ISBN 978-88-7849-136-6
€ 18,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Il territorio di Serrenti, Comune della Sardegna centro-meridionale, è al centro di questo accurato studio storico e archeologico, che ne segue il divenire dalle più antiche testimonianze della presenza umana passando poi per le numerose vestigia della civiltà nuragica, quelle di età punico-romana fino alle tracce di epoca bizantina e giudicale.
Archeologia, storia dell’arte e ricerca storico-archivistica si intrecciano, inoltre, per indagare la questione del “villaggio scomparso” di Monpusi e le origini della chiesa e del culto di Santa Fida/Vitalia.
Il libro è rivolto sia agli studiosi che agli appassionati e curiosi di Antichità sarde, per i quali sono stati specificamente inseriti un glossario e un quadro introduttivo sulla storia dell’Isola.

Antonella Coralini

Pompei. Insula IX 8. Vecchi e nuovi scavi (1879-)

2018

formato 21 x 29,7 cm; ril. bros.
806 pagine, in b/n e a colori
ISBN 978-88-7849-115-1

€ 70,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Tanto nota e frequentata, quanto ancora in attesa di essere studiata e compresa a fondo nella sua natura specifica: così è Pompei, sito archeologico pluristratificato, in cui l’ibridazione fra antico e moderno, a 270 anni dall’inizio della sua riscoperta, pesantemente condiziona il tentativo di riavvicinarsi alla realtà del 79 d.C. e a quelle che l’hanno preceduta.
Indispensabili appaiono le indagini archeologiche sul campo, ma anche le ricerche nei depositi, negli archivi e nelle biblioteche, il recupero degli scavi pre-stratigrafici e degli inediti, al fine di colmare quei vuoti che ancora ostacolano la conoscenza della Pompei antica. Il Programma Vesuviana dell’Alma Mater, con il suo Progetto Pompei, 1998-, già Pompei. Insula del Centenario (IX 8), ha fatto dell’insula IX 8 l’oggetto di uno studio di dettaglio. Del suo piano editoriale questo volume costituisce la seconda tappa, in cui sono esposti non solo i risultati degli interventi archeologici più recenti (1999-2004), ma anche l’esito del recupero dei dati e dei materiali relativi agli sterri ordinari e agli scavi appositi del 1879-1880.

Alberto Giudice, Giancarlo Rinaldi (a cura di)

Realia Christianorum 2. La Bibbia e la sua esegesi

2018
formato 17 x 24 cm; ril. bros.
collana Ricerche 5
152 pagine, in b/n
ISBN 978-88-7849-132-8
€ 14,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello

Il volume raccoglie gli atti del Convegno di Studi Realia Christianorum. La Bibbia e la sua esegesi tenutosi nel 2016 presso la Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale (Napoli). Il convegno è stato organizzato con l’intento di comprendere, attraverso lo studio dei monumenti e dei documenti, le modalità di diffusione del messaggio cristiano nell’antichità. La chiave di accesso è stata l’integrazione delle diverse discipline che indagano sulla storia del Cristianesimo antico: archeologi, storici e teologi evidenziano e analizzano i mezzi attraverso i quali si è diffusa la nuova dottrina tra gli adepti al culto: la rappresentazione figurata nelle basiliche e nelle necropoli, l’operato e l’esempio di San Paolo.

Sauro Gelichi, Cinzia Cavallari, Massimo Medica (a cura di)

Medioevo svelato. Storie dell'Emilia-Romagna attraverso l'archeologia

2018

formato 21 x 29,7 cm; ril. bros.
560 pagine, a colori
ISBN 978-88-7849-133-5

€ 29,00
Leggi nel dettaglio
Non ordinabile: ESAURITO
Una buona archeologia dovrebbe essere in grado di raccontare storie; ma, soprattutto,
dovrebbe essere in grado di raccontare le storie di tutti. Questo è lo scopo principale della Mostra: narrare il Medioevo direttamente attraverso tutti i suoi protagonisti.
L’Emilia-Romagna è stata tra le prime regioni in Italia dove si è sviluppata un’archeologia del Medioevo e quarant’anni di ricerche, di tutela e di attività sul campo hanno prodotto una notevole quantità di dati, di informazioni, di conoscenze. Molto spesso tutto ciò è rimasto confinato in pubblicazioni specialistiche oppure non è stato raccolto assieme per tentare di offrire una visione più ampia e una prospettiva meno settoriale della vita nelle città e nelle campagne in questo lungo arco di tempo. 
Tra antiche città sopravvissute e nuovi empori, tra castelli e monasteri, tra chiese e villaggi, questa Mostra intende raccogliere i frutti migliori di quell’esperienza e, per la prima volta, presentarli al largo pubblico.
Mario Cesarano, Maria Cristina Vallicelli, Lorenzo Zamboni (a cura di)

Antichi Romani e romanità nelle terre del Delta del Po. Nuovi studi e prospettive di ricerca

2018
formato 21 x 29,7 cm; ril. bros.
collana Ricerche - Series Maior 8
224 pagine, in b/n
ISBN 978-88-7849-131-1
€ 24,00
Leggi nel dettaglio Aggiungi al carrello
Il territorio del basso corso del Po era in epoca romana un ambiente difficile, dominato dalle acque e in costante mutamento. Il popolamento dell’area rappresentò una sfida per i Romani, e di questa sfida il volume ricostruisce le tracce attraverso le più recenti ricerche archeologiche e topografiche. Correlando le conoscenze – frutto di numerose campagne di scavo, attività di ricognizione e analisi di materiali condotte da Università, Soprintendenze e gruppi di volontariato, in particolare dal Gruppo Archeologico Ferrarese – emergono le soluzioni tecniche e i modelli economici e culturali con i quali i Romani si affermarono nelle impervie terre del Delta, oggi diviso tra Veneto ed Emilia Romagna, ma che due millenni anni fa era unitario e parte integrante del mondo “globalizzato” dell’epoca, quello dell’Impero di Roma.